ISOLE DEGLI SCHIAVI

19.50

Autore: HANSEN
Editore: IPERBOREA
ISBN: 9788870911787

Disponibile su ordinazione

COD: 9788870911787 Categorie: ,

Descrizione

Le Isole Vergini, il sole e il mare dei Caraibi: nei paradisi della terra la natura sembra voler far dimenticare quello che è stato a volte l’inferno della storia. Saint Thomas, Saint Croix e Saint John, gli antichi possedimenti danesi, erano la punta del triangolo della tratta umana cui Thorkild Hansen dedica la sua «Trilogia degli schiavi»: è qui che si consuma l’ultimo cruento atto di quel commercio cominciato sulle Coste dell’Africa e proseguito nelle lunghe traversate dell’oceano sulle navi negriere. Ed è qui che si conclude la sua denuncia contro la falsa buona coscienza della Danimarca, convinta di essere stato il primo paese europeo ad abolire la schiavitù. È la storia di due secoli, la ricostruzione del cinico sfruttamento che si nascondeva dietro le ricchezze che affluivano con lo zucchero nell’aristocratica Copenhagen dell’Età d’Oro e nello sviluppo della sua società borghese. Ma, come sempre in Hansen, il racconto è fatto attraverso le vite dei suoi protagonisti: dai primi avventurieri, partiti soprattutto con la speranza di far rapidamente fortuna, come quell’Iversen, figlio di fornaio, vero iniziatore della tratta all’insegna di «lavoro, preghiera e castigo», fino all’ambizioso Governatore Peter von Scholten, una di quelle complesse e ambigue figure hanseniane che valgono di per sé un romanzo. Ma anche dalla parte degli sfruttati emergono personaggi indimenticabili, capi di rivolte epiche: Kong Juni, la «grande anima» della prima ribellione, Samuel Hector, il magnetico leader creolo, e il Generale Buddo, pacifista in un’epoca sanguinaria. Con passione etica, Hansen riporta alla luce un passato rimosso, non solo per scuotere le coscienze e per restituire un po’ di giustizia ai dannati della terra, ma anche per la sua costante fascinazione per quelle grandi personalità che la vita sconfigge, ma che la storia è costretta a rivalutare.